LA RADIOESTESIA


La Radioestesia è la scienza che, mediante la percezione delle irradiazioni che ogni corpo ed ogni sostanza emettono, ci consente di conoscerne l’ubicazione, l’entità, la natura, la specie, la qualità e l’influenza che esercitano gli uni sugli altri.
La disciplina della Radioestesia, se applicata con esperienza, impegno e costanza, permette di captare energie e radiazioni, individuandone la fonte, e soprattutto i loro effetti benefici o dannosi per il corpo umano, il regno animale e vegetale.
In questo senso la Radioestesia è un utile strumento per il riequilibrio psicofisico della persona, poiché permette di individuare i fattori che possono essere dannosi per l’organismo e di conseguenza di eliminarli, utilizzando la metodologia più idonea per ciascun individuo.
Questo mezzo di indagine, di millenaria tradizione, si inserisce nell’ambito delle medicine solistiche (dal greco olos = tutto) ovvero globale. I fondamenti di tali medicine derivano da tradizioni antiche nelle quali l’organismo umano è considerato una totalità psico-fisico-energetica.
Ad essa spesso si associano tutte le discipline del campo naturopatico.
La Radioestesia si basa sull’individuazione dei campi elettromagnetici che circondano il corpo, che sono continuamente emessi da esso e che si alterano in caso di malattia.
Questa tecnica, individuando nell’ambiente e nella persona stessa i fattori di rischio, permette di effettuare una vera e propria prevenzione primaria.